Qualcosa di sinistra

 

    

 «Dì qualcosa di sinistra . Dì qualcosa anche non di sinistra, qualcosa di civiltà. D’Alema dì qualcosa, reagisci!» 

 _________________________________________________

 

Ci sono dei riti che, specie la mattina, considero sacri.

Sacri a tal punto che se per caso vengono in qualche modo disturbati o modificati la giornata è bella che rovinata, divento isterica e potrei anche diventare  verde volendo, camminare al contrario e parlare in aramaico.

Uno di questi riti è, durante la colazione, leggere i giornali della mattina insieme a Sky e al suo favoloso touch screen e a seguire guardare il dibattito a Omnibus su la7.

E’ un rito che ha delle controindicazioni, tipo che ancora con un occhio aperto e uno chiuso ti tocca vedere la prima pagina de “il Giornale” e la prima bestemmia del giorno è andata, e poi se si è proprio sfortunati può anche capitare Belpietro o similari in collegamento su la7 così nel caso non avessi capito bene il concetto (sempre sottilissimo) del loro titolo principale lui è lì pronto a spiegarlo nel dettaglio per un quarto d’ora prima di lamentarsi di non avere sufficente spazio.

Detto questo però, ritengo anche irrinunciabile nonostante tutto avere una panoramica delle varie opinioni, e soprattutto delle varie versioni degli stessi eventi e il modo in cui vengono presentate alla stampa.

Non che mi sia capitato spesso di leggere articoli e opinioni da strapparsi i capelli dalla testa (come spesso mi succede invece leggendo Robert Fisk dell’Independent ad esempio o con qualsiasi cosa scritta su “New Yorker”) , anzi, molto spesso si prova imbarazzo per la mancanza di obbiettività della grandissima parte delle testate italiane che riesce a modificare compleatamente il senso di un avvenimento in base alla parte politica che sostengono, strillando titoli al limite dell’insulto e inventando interviste intorno a singole frasi prese fuori contesto.

Oggi però – e effettivamente durante tutta questa “crisi” di governo – il Corriere della Sera è uscito con un editoriale che fa gridare al miracolo, o almeno rassicura, consola. C’è vita, su questo staterello dalla forma strana,  dove nessuno sembra chiedersi come possa succedere che l’opposizione abbia davanti un governo in ginocchio a cui manca solo il colpo di grazia e l’unica cosa che riesce a proporre è un governo guidato da colui che dovrebbe essere la nemesi di chiunque si definisce di sinitra: Tremonti.

Di seguito trovate l’inizio dell’editoriale, che vi consiglio vivamente di continuare a leggere qui:

La Grande Palude 

Tra le tante anomalie della politica italiana di questi giorni ce n’è una più «anomala» delle altre. Di fronte a una maggioranza parlamentare spaccata, che non si sa neppure se esista ancora come tale, che cosa fa l’opposizione, che cosa chiede la sua stampa più autorevole? Tutto tranne la sola cosa a cui in qualunque sistema parlamentare si penserebbe subito, e cioè il ritorno alle urne. Elezioni anticipate? Per carità, si dice: inutili, pericolose, un’autentica sciagura per il Paese. Piuttosto, invece, al posto della vecchia, una nuova grande maggioranza «chi ci sta ci sta», un governo «tecnico» ma non proprio, comunque «larghe intese», le più larghe possibili, in cui alla fine potrebbero entrare tutti, da Bossi, a Fini, a Tremonti, a Casini, a Rutelli, a Bersani, a Vendola, in teoria anche Di Pietro e Beppe Grillo se volessero. Purché ovviamente ne stia fuori uno solo:  Lui, l’Orco.

Advertisements

~ di muchadoaboutnoth1ng su agosto 5, 2010.

Una Risposta to “Qualcosa di sinistra”

  1. E’ assurdo. Ormai è da tempo che alla sinistra manca un vero leader, con gente dello stesso schieramento che si preoccupa più della concorrenza interna piuttosto che di fare una rispettosa opposizione ad un governo ormai in preda a crisi e debolezze.
    Tuttavia penso che Berlusconi difficilmente mangerà il panettone…O almeno lo spero.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: