Quella gran culo di Cenerentola!



Un velo di mistero circonda la logica utilizzata dai creatori del palinsesto Rai.

Ieri sera partiva la nuova stagione di X Factor, anche se si trattava di una puntata “via di mezzo” nella quale venivano presentati ufficialmente i concorrenti e non della gara vera e propria, e loro cosa decidono di fare (considerato anche che Rai Due ormai non lo vede più nessuno senza decoder e conosco parecchie persone – compresa me – che sono troppo pigre per comprarne uno o spostarsi alla tv con digitale terrestre.. il che elimina una fetta di pubblico, che lo si voglia o no) ?

Beh, decidono di piazzarci contro Pretty Woman.

Da pazzi. Cioè, come dire: sabotiamo la prima puntata di quello che dovrebbe essere il nostro reality di punta, visto che Pretty Woman è come Titanic, e ha in più il pregio di non durare 6 ore compreso di pubblicità. Insomma, un vero killer dell’auditel.

E allora perchè, dico io che non sono un cazzo di nessuno, se sono riuscita a produrre questo geniale ragionamento non ci è arrivata gente che è pagata per pompare i programmi della tv di stato prima che parta lo schiacciasassi Amici?

Mistero appunto.

In ogni caso io ne ho gioito e con me molti altri a giudicare dalle reazioni alla notizia ieri sera su Facebook, perchè nonostante abbia il dvd una volta apparso il primo fotogramma sullo schermo il risultato è stato quello di sempre: ovvero un sospiro e chiappe ancorate al divano.

Pretty Woman è il film al quale nonostante si faccia i duri e senza cuore non si può dire di no. Il film del quale non si analizza la trama tacciandola come irreale, e del quale non si deridono gli errori palesi tipo brioches che diventano pancakes che tornano brioches.

Pretty Woman è il Cenerentola per adulti, il film nel quale ti immedesimi in una puttana e non te ne vergogni neanche un pò.

Il film che ti spinge alla tua prima visita a Los Angeles a fotografare il Beverly Wilshire quasi in lacrime e a declamare ovunque le filosofiche battute del film. E le sanno tutti. Non credo esista una persona al mondo (ok, il mondo con la tv) che non conosca a memoria almeno una battuta di questo film, e non parlo di gente disturbata come me per cui la cosa non è assolutamente strana, ma parlo veramente di chiunque.

Da “Rodeo Drive, bambina!”, a “Quella gran culo di Cenerentola”, alle “stronze lumachine” a “Voglio la favola”, a qualsiasi cosa esca dalla bocca di Kit De Luca.

E’ il film che ti fa sospirare quando vedi Vivian che cede e viola il decalogo della prostituta moderna baciando Edward e che soprattutto ti fa sospirare, anzichè avere i conati come capita con qualsiasi altro film quando le senti dire “ti amo”, o “Voglio la favola”… e ti fa gridare “sei un coglione” quando lui se ne esce con una risposta idiota come “è un rapporto irrealizzabile”.

E tutto questo succede ancora, dopo vent’anni.

E’ il film che ti fa sognare di avere una scala d’emergenza sulla quale vedere un tizio brizzolato che si arrampica (ebbene sì, non l’ho mai adattato alla realtà il mio sogno anche perchè forse se mi si presentasse una donna brizzolata chiuderei la finestra) nonostante le vertigini con un mazzo di fiori in mano e l’opera in sottofondo.

E soprattutto è il film che non ti fa sentire scema se quando senti l’incipit ripetuto durante il finale senti che quel sogno è anche un pò tuo.

Il sogno che è un pò il centro di tutto il film, non importa se il sogno sia rifarsi una vita, rifarsi il guardaroba, o farsi Richard Gere.

Benvenuti a Hollywood! Qual è il vostro sogno?
Tutti vengono qui, questa è Hollywood, la città dei sogni! Alcuni si avverano, altri no, ma continuate a sognare, questa è Hollywood!
Si deve sognare, perciò continuate a sognare!

Annunci

~ di muchadoaboutnoth1ng su settembre 7, 2010.

9 Risposte to “Quella gran culo di Cenerentola!”

  1. Quel piccolo monologo mi fa sorridere “speranzoso” tutte le volte… 🙂

  2. 😉

  3. Penso che la scena al ristorante sia stata, dopo quella della Whitney che canta I have Nothing in Guardia del corpo, quella da me più imitata da bambino!ogni volta che aspettavo al ristorante le portate la rifacevo ma anzichè le lumache ci mettevo la mollica del pane e a seguire “che stronzine di lumache”
    ahahhahhahhahahahhahahhah!
    Una favola moderna, se non La favola moderna.

  4. ahahahaha che post meraviglioso!!! *___*
    io ho snobbato Pretty Woman per qualche anno poi tipo nel 92 ho ceduto e sono caduto nel trappolone per non uscirne più. fa parte di una mia trilogia ideale che comprende Working Girl e Ghost, composta di film che astrattamente considerati avrebbero tutte le carte in regola per essere considerati vergognosi, ma che per qualche ragione non troppo misteriosa -tra cui quelle che hai evidenziato nel tuo post- rifulgono come capolavori. per difendere il valore di Pretty Woman una volta stavo venendo alle mani ahahahaha

  5. Ecco sì, Working Girl e Ghost formano la trilogia perfetta delle vergognenonvergogne!
    Credo che il posto più alto del podio se lo contendano Pretty Woman e Working Girl, se non altro perchè quest’ultimo ha il primato non indifferente dell’ampiezza delle cofane delle protagoniste, un record ancora insuperato.

    Anche se la cofana di Whoopy in Ghost…..

  6. gesù.. mi è venuta voglia di fare una maratona hahahahahah

  7. E che maratona sia! Sono quei film a cui non si può dire di no. E solo perchp avevo la tv spenta l’altra sera non sono ricaduto nel trappolone!
    Post bellissimo e… si, sfido chiunque a non sapere almeno qualche battuta dei film elencati a memoria. Fosse almeno il Caffè, thè, me??? della Cusack con quei capelli FA-VO-LO-SI.
    Direi che Pretty Woman è di proprietà Rai1, Ghost di Canale5 e Una donna in carriera? Direi Rete4 dai. Sono gli assi nella manica.

    Comunque se dovessi proprio scegliere, in un ipotetico scenario di palinsesti paiass con una guerra filmica in corso tra tutte e 3, dico Oda Mae Brown tutta la vita, sia chiaro. IDEM!

  8. Dobbiamo organizzarla, o reale o per via telematica 🙂
    Sapevo che avresti optato per la Oda Mae!!

  9. uuuhh ma arrivo sempre tardissimo ultimamente……..(seee credici)
    però l’altra sera l’ho visto pure io pretty woman……..che film, che colonna sonora, che ormoni amiziosi fin da bambina mi ha fatto venire……..la prima volta avevo 10 anni, e lo vidi al cinema, forse la prima volta sola con le amiche……

    una donna in carriera altro mito totale…ma ghst non mmi è mai piaciuto….nella mia trilogia metto dirty dancin, sempre con patrick, ma patrick con culo di fuori (per mezzo secodno quando esce dal letto, il frame più consumato della mia videocassetta!)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: